Un mare di opportunità e possibilità

 

Sto scrivendo seduta in terrazzo, sotto un meraviglioso cielo stellato di fine agosto che troppo spesso non mi fermo ad ammirare.

Tra pochi giorni partirò per Vienna, dove inizierò l’università. È quindi un inizio “senza fine”, nel senso che non so quanto quest’avventura durerà. Certo, la triennale dura 6 semestri, ma se dovessi trovarmi bene, chi m’impedisce di rimanere lì di più? E IMG_20160827_140142se invece dovessi scoprire che non fa per me e dunque decidere di ritornare a casa a fine anno?

In queste ultime settimane a casa – ufficialmente, le ultime settimane della mia vita in cui vivrò stabilmente nella casa che mi ha vista crescere – mi sono sentita e mi sto ancora sentendo un po’ strana. Il sentimento più forte, ovviamente, è la voglia di partire, la felicità che questo cambiamento mi porta e anche l’emozione nel sapere che la mia vita cambierà completamente. Al tempo stesso, questa consapevolezza mi fa sentire anche un po’ spaurita e ansiosa. Per la prima volta nella mia vita sarò responsabile di me stessa al 100%. Iscrivermi all’università, trovare un appartamento, gestirmi la vita nel quotidiano: dovrò fare tutto io, senza potermi appoggiare sull’aiuto della mia famiglia o degli amici di una vita. Questo, ovviamente, mi spaventa, ma tutta quest’indipendenza è una cosa che aspetto da tantissimo e nell’ottenerla non sto più nella pelle.

È la seconda volta che parto e lascio la mia vita sicura in Valle d’Aosta. Due anni fa, quando partii per la Germania, ero spaventatissima, non sapevo cosa mi aspettava e avevo paura di non farcela. Invece, ho vissuto l’anno più bello della mia vita, durante il quale ho avuto, sì, anche brutte esperienze, ma sono proprio queste che mi hanno aiutato a crescere e mi hanno reso la persona che sono oggi.IMG_20160804_142850

Sapendo di avercela fatta, di essermela cavata a solo 16/17 anni in un paese nuovo, in una nuova città dove non conoscevo nessuno e dove a malapena capivo la lingua, non temo più il cambiamento. Anzi, so che sarà meraviglioso, anche se dovessi trovarmi male e avere problemi: qualsiasi cosa mi succederà, mi aiuterà nel mio percorso e mi renderà una persona nuova, permettendomi di scoprire nuovi aspetti di me stessa.

Ora, sono molto più tranquilla di due anni fa. In questa nuova vita, sarò io a dovermi gestire e non dovrò sottostare alle regole di nessuna famiglia ospitante o associazione. È vero anche, però, che la famiglia e l’organizzazione su cui mi appoggiavo mi tutelavano e sapevo che avrei avuto qualcuno a cui chiedere aiuto se ne avessi avuto bisogno. Insomma, non ero sola. Questa volta invece lo sono: sono davanti ad una nuova, grande sfida in IMG_20160619_161201cui sarò io a dovermi prendere cura di me stessa e a dovermi assumere tutta la responsabilità per le mie azioni.

Ciò che voglio trasmettere con questi miei pensieri è che sto affrontando una paura, mi sto mettendo in gioco, sapendo che potrei anche fallire. Ma è proprio questo a rendere ciò che mi aspetta così affascinante. Sono proprio curiosa di vedere che succederà in questa nuova fase della mia vita. La paura c’è ed è normale che ci sia, ma non bisogna permetterle di bloccarci: in questo mare di opportunità e possibilità, non c’è nulla che non possiamo fare. Bisogna solo lavorare sodo e crederci. Sono anni che aspetto questo momento e la consapevolezza di esserci quasi mi fa piangere dalla gioia.

Tenete duro e credete nei vostri sogni.

Annunci

Fiducia nelle proprie capacità e coraggio di buttarsi

IMG_20160823_195240
È un po’ di tempo che penso di ritornare su questo blog, ma devo ammettere che manca la fiducia in me stessa. Oggi, mi sono decisa. In fondo, a chi importa? Se scrivo qualcosa lo devo fare per me. Trovo importante e positivo fare qualcosa perché se ne ha voglia e perché ci fa stare bene – e non perché si vogliono impressionare gli altri o fare bella figura. Troppo spesso siamo bloccati dalla paura di fallire, di venire giudicati e di non fare bene. Ma cosa abbiamo da perdere?IMG_20160823_195253

Amo scrivere e da troppo tempo mi sono negata questo piacere perché non mi sentivo all’altezza. Oggi, rileggendo ciò che scrivevo qua qualche anno fa, mi sono sorpresa di quanto fossero scorrevoli e piacevoli i miei articoli. Certo, non sono la Hugo del ventunesimo secolo, ma l’importante, alla fine, è trasmettere un pensiero positivo.

Spesso ammiro chi ha il coraggio di mettersi in gioco e di esporsi, dicendomi che vorrei essere anche io così. Ebbene, cosa mi ferma? Che m’importa se non ci sono diecimila persone a leggere le mie parole? Se mi siedo a scrivere un articolo, lo faccio solo ed esclusivamente per me stessa e sono contenta che sia così.IMG_20160823_195224

Spero che questo non sia un semplice articolo in mezzo al nulla – vorrei riprendere l’abitudine di condividere i miei pensieri, senza paura. Ero quasi giunta ad un punto in cui la paura della disapprovazione altrui mi stava togliendo questa mia grande passione.

Sara

 

Curiose abitudini tedesche (food edition)

Ogni cultura è diversa; ogni persona è diversa. Trovo sempre divertente ed interessante notare quelle piccole cose che caratterizzano gli individuo di uno stesso popolo. In seguito, vi presento un po’ di atteggiamenti o fatti della Germania che non si trovano in Italia e spesso ci sembrano “strani”. Ad ogni modo, strano vuol solo dire che sia diverso, curioso ai nostri occhi da stranieri.

— La grande distinzione tra cibo caldo e cibo freddo
I tedeschi dividono, infatti, in due categorie il cibo: caldo o freddo. Caldo, di solito, si mangia solo a pranzo, mentre a colazione si mangia pane con formaggio/salumi/marmellata o muesli e a cena il più delle volte pane con formaggio/salumi. La cena si può anche fare calda, ma in questo caso di solito di salta il pranzo e si mangia prima delle 19.
Ma soprattutto trovano importantissimo che almeno un pasto al giorno sia caldo.

(Per me cibo è cibo e finché ha un buon sapore non importa che sia caldo o freddo).

L’acqua è sempre frizzante
Se chiedete acqua in un ristorante, è raro che vi chiedano se la preferite frizzante o naturale, perché i tedeschi bevono solo acqua frizzante, dunque vi porteranno direttamente quella gassata. Infatti, in tutte le case tedesche dove vado c’è sempre e comunque solo acqua frizzante. Per il thé o il caffé usano direttamente l’acqua del rubinetto.

(Mi manca la mia acqua italiana, ma, per quanto bevi più che altro acqua dal rubinetto, mi sto trasformando in una tedeschina e bevo tranquillamente anche l’acqua frizzante, che non ho mai sopportato).

— A colazione non si mangiano mai cose “troppo dolci”
Ergo se vi mangiate un pezzo di torta o dei biscotti a colazione (cosa più che normale da noi), vi guarderanno un po’ male, chiedendovi come facciate a mangiare cose “così dolci” al mattino. Invece mangiare carne cruda al gusto di cipolla è normalissimo.

— Cena alle 5 del pomeriggio
Anche se è piuttosto raro, è successo. Normalmente la cena si mangia tra le 18 e le 20. Il nord è il nord.

— Cibo italiano alla tedesca
Esempio? La mozzarella sulla pizza è un “extra”, se no ci ficcano sopra il “formaggio” (quale formaggio? Quale??). Oppure le lasagne nel ristorante italiano con i peperoni. La bolognese piccante.

C’è però da aggiungere che il più delle volte si riesce a trovare buon cibo italiano, sebbene magari diverso dall’originale. Poi, in questi casi, bisogna solo essere dei palati flessibili.

— Nessuno si alza prima del pasto per andare a lavarsi le mani
Non so come commentarlo.

— Se riporti indietro le bottiglie o i bicchieri ti ridanno i soldi.
La maggior parte delle bottiglie che compri al supermercato, tipo acqua o succo, e i bicchieri che usi per bere una bella birra o del vino nelle bancarelle (per esempio al Lunapark o ai mercati di Natale) si chiamano “Pietro”. Scherzi a parte, una volta che hai bevuto il contenuto, puoi riportarle nel supermercato (c’è una macchina apposta) e ricevi indietro il cosiddetto “Pfand”, ossia una piccola somma di denaro. Si solito va dai 5c fino a 1-2euro per i bicchieri di vetro degli alcolici.

Ho cercato di raggruppare un po’ di curiosità che mi sono venute in mente. Ce ne sono molte di più, ovviamente. Spero le abbiate trovate interessanti. Io spesso mi stupisco ancora delle abitudini alimentari, dato che da brava l’italiana il cibo gioca un ruolo importante nella mia vita. Come sempre, il miglior modo per notare le differenze è viverle di persona, ma vorrei cercare di far conoscere un po’ di questa cultura a chi ne è ignoto e magari vorrebbe saperne di più, dunque ai curiosi, che, chi lo sa, stanno progettando di fare un viaggio di lunga durata in questa terra! Prima o poi pubblicherò qualcosa con le mie impressioni personali su questa paese che mi ospita. Per il momento, mi limito al cibo.

Alla prossima,

~ Sara

Ho finito le parole (aka la vita da poliglotta è spossante)

Vorrei sedermi un attimo e semplicemente lasciar che le mie dita scorrano su questi tasti, componendo splendide frasi piene di significato. Invece mi mancano le parole. Mi sento come una bambina senza vocabolario, come se avessi perso tutte le mie conoscenze accumulate.

Vorrei essere come quelle persone che scrivono tutti i giorni, che hanno sempre qualcosa di interessante da dire e da condividere. Vorrei raccontare i miei pensieri, ma non so quali parole usare per descriverli. Vorrei raccontare le mie giornate, perché credo che la mia vita in Germania sia piuttosto movimentata e perché la vita in Germania, in generale, è diversa. Dunque perché non condividere tutto ciò che c’è di nuovo con chi non lo conosce, perché non rendere gli altri partecipi delle mie esperienze?

Sarà che mi ritrovo a parlare una lingua completamente diversa tutti i giorni, ad imparare nuovi vocaboli e nuove strutture. Sarà che, oltre il tedesco, leggo, scrivo e parlo tutti i giorni anche italiano e inglese e spesso spagnolo e francese. Forse sono troppe lingue a 17 anni e il mio cervello non riesce a contenerle tutte insieme. Vorrei avere un cervello un po’ più laborioso con un po’ più di memoria, dato che, oltre alla lingua, dimentico i nomi di tutti dopo tre secondi.

So che è solo una fase, ma sento le parole fermarsi in gola, senza definizione. Non mi ricordo il vocabolo in italiano e non lo so in tedesco.

Non so più nemmeno quante volte ho pensato di scrivere un articolo su come ci si sente prima di abbandonare la propria vita e quante volte ho iniziato a scriverlo, lasciandolo incompleto tra le bozze. Vorrei raccontare di cosa si sente i primi giorni di vita all’estero, cosa cambia, come adattarsi ad imparare una nuova lingua. Vorrei scrivere per sfogarmi quelle volte che mi sento sola o per salvare le mie belle esperienze in bei ricordi, per sempre. Così magari tra qualche mese torno indietro e rileggo tutto. A volte sono semplicemente troppo pigra o non ho tempo. Eppure mi chiedo: e se semplicemente mi stessi costringendo a fare qualcosa che non mi appartiene perché mi piace l’idea di concetto? Mi spiego. Mi piace l’idea di scrivere, mi piacerebbe poter viaggiare e raccontare, mi piacerebbe avere tanta fantasia e inventarmi storie magnifiche, oppure non avere bisogno di inventiva ma semplicemente di un vasto vocabolario per poter portar a parole le mie esperienze. E se invece fossi solo nata per leggere le esperienze altrui e tenere le mie per me, se fossi l’unica che può sapere cos’ho vissuto?

Ho finito le parole.

Alla prossima,

Sara ~

Worth visiting #1: Rifugio Vittorio Sella

Ecco il cartello del Rifugio con una prospettiva sulle montagne!

Ecco il cartello del Rifugio con una prospettiva sulle montagne!

Ciao a tutti,
Con questo primo post inauguro il mio nuovo progetto: “Worth visiting”, cioè “Che merita di essere visitato”. Sarà una serie di luoghi che visiterò personalmente e che abbiano un qualcosa di particolare per cui val la pena andare e vedere. Arricchirò il tutto con foto scattate da me, informazioni e impressioni personali. Come avevo annunciato nel mio ultimo articolo, andrò a trascorrere un anno in Germania come studente straniera (parto tra meno di una settimana!), quindi questo progetto continuerà -spero- anche quando mi troverò in terre tedesche. Mi sembra abbastanza chiaro. Non so quanto spesso posterò, ma cercherò di creare contenuti interessanti e di qualità.

Ora, passiamo al il posto di oggi. Domenica 17 agosto sono andata con mia mamma al Rifugio Vittorio Sella, che si trova nella Val di Cogne, in Valle d’Aosta. Si parte dalla frazione di Valnontey: si trova dunque, come tutto il paese di Cogne e le Valli vicine, nel parco Nazionale del Gran Paradiso, una speciale area protetta con flora e fauna allo stato naturale. Qua c’è il sito del rifugio, dove è bien spiegato come raggiungerlo: http://www.rifugiosella.com .
La passeggiata è abbastanza impegnativa: noi abbiamo impiegato 2h e 30 come sui cartelloni ad inizio sentiero, camminando in modo costante e senza pause, a velocità media. C’è da dire, però, che abbiamo tagliato dei bei pezzi per arrivare prima. È comunque un rifugio da fare se si è mediamente allenati: non deve sicuramente essere la prima esperienza in montagna; ciononostante, ho visto numerosi bambini. Quindi è più che fattibile, ma prendetevi i vostri tempi. Il percorso è tutto in salita: all’inizio si cammina in mezzo al bosco, poi passata una cascata inizia una parte molto pendente tra i sassi, con alberi sempre più radi, infine c’è un’ultima salita tra i prati (badate, però, che è molto ripida). Il panorama è quasi sempre molto aperto durante tutta la scarpinata, ottimo per scattare foto, mentre invece il rifugio si trova in una specie di vallata. Il Sella sorge a 2.588mt di altezza: son dunque oltre 900mt di dislivello da Valnontey (1.666 mt). Da lì, per i più appassionati, si può proseguire il cammino e giungere al Colle della Rossa (3.195 mt) e al Colle Lauson (3.896 mt).

È formato da tre edifici: il principale, che vedete, dove si trova il ristorante e una parte delle camere; un'altro, che s'intravede sulla sinistra, dove ci sono i bagni e le restanti camere; e l'ultimo, che viene coperto interamente in questa angolatura, dove c'è il bar.

Il rifugio è formato da tre edifici: il principale, che vedete, dove si trova il ristorante e una parte delle camere; un’altro, che s’intravede sulla sinistra, dove ci sono i bagni e le restanti camere; e l’ultimo, che viene coperto interamente in questa angolatura, dove c’è il bar.

Per la camminata consiglio di vestirsi a strati e pronti a qualsiasi clima: indossate cannottiera, t-shirt, maglia e felpa, meglio portare una giacca nelle giornate più uggiose o nei mesi più freddi; portatevi un paio di pantaloni (comodi! Assolutamente nulla di attillato o jeans) e uno di pantaloncini. Usate gli scarponcini, se gli avete anche i bastoncini da camminata. Insomma, attrezzatevi confortevoli e pratici, e se avete intenzione di fermarvi sui prati intorno al rifugio, è meglio avere un telo su cui sdraiarsi. Portatevi uno spuntino (frutta o qualsiasi cosa che vi dia un po’ di energia) da sgranocchiare durante la camminata. Io consiglio di salire in tempo per far pranzo (servito fino alle 15) o cena (servita dalle 19, meglio da prenotare) al rifugio, dove cucinano le più famose specialità valdostane in modo divino. Le porzioni sono molto grandi e il cibo valdostano non è celebre per essere leggero, ma se arrivate affamati dopo la lunga camminata finirete tutto. Noi abbiamo mangiato polenta alla valdostana (chiamata anche “concia”) e salsiccia con un sugo di pomodoro: una vera delizia, ma dopo ci sono voluti un pisolino al sole e una bella pausa per digerire ed essere pronte a ripartire. Se arrivate lontani da orario pasto e non avete nulla da mangiare, non disperate: c’è pure un bar che prepara panini e dolci tutta la giornata. Inoltre, lo dico perché non si prende nulla per scontato, è possibile dormire nel rifugio, ma consiglio di prenotare per non beccarsi brutte sorprese.
La discesa è decisamente più leggera, ma per chi è sensibile alle ginocchia o ai piedi deve fare attenzione.

A seguito alcune foto che ho scattato, spero siano di vostro gradimento e che rendano giustizia alla bellezza di questo magico luogo!

La magnifica vista dai prati intorno al Rifugio!

La magnifica vista dai prati intorno al Rifugio!

La fantastica vista appena s'inizia a scendere!

La fantastica vista appena s’inizia a scendere!

Siamo state fortunate: abbiamo trovato una splendida giornata che ci ha permesso di rimanere in cannotta e pantaloncini sotto il bellissimo sole di montagna!

Siamo state fortunate: abbiamo trovato una splendida giornata che ci ha permesso di rimanere in cannotta e pantaloncini sotto il bellissimo sole di montagna!

image

Ecco una foto del nostro delizioso pasto da campionesse!

La camminata è attraversata da un lungo ruscello che parte dal rifugio e cade poi in una grande cascata che s'incontra ad un terzo del percorso.

La camminata è attraversata da un lungo ruscello che parte dal rifugio e cade poi in una grande cascata che s’incontra ad un terzo del percorso.

A circa metà percorso si passa attraverso un vecchio villaggio con case di pietra, probabilmente abbandonato. È interessante pensare che qualcuno potesse vivere qua, anche solo per i mesi estivi! Eppure, in Valle d'Aosta è pieno di stalle ad altissime altitudini in montagna!

A circa metà percorso si passa attraverso un vecchio villaggio con case di pietra, probabilmente abbandonato. È interessante pensare che qualcuno potesse vivere qua, anche solo per i mesi estivi! Eppure, in Valle d’Aosta è pieno di stalle ad altissime altitudini in montagna!

Cosa ne pensate? Lo trovate un bel posto il Rifugio Vittorio Sella? Andreste a visitarlo?
Fatemi sapere i vostri pensieri, le vostre riflessioni sulla montagna e soprattutto se vi sembra una bella iniziativa questa del “Worth visiting Project”!

Alla prossima,

Sara